Feste, ricevimenti e compleanni

“Conservare l’infanzia dentro di sé per tutta la vita vuol dire conservare la curiosità di conoscere, il piacere di capire, la voglia di comunicare. I bambini di oggi sono gli adulti di domani, aiutiamoli a crescere da stereotipi, aiutiamoli a sviluppare tutti i sensi, aiutiamoli ad essere più sensibili: un bambino creativo, è un bambino felice.” ( Bruno Monari).

L’organizzazione prevede:
Un numero di bambini non superiore ai 25/30
per garantire un gioco costruttivo ma divertente.

Una serie di moduli da scegliere o assemblare liberamente a seconda delle esigenze personali.

Le attività proposte sono le seguenti:
. Facciamo una spilla:
(dai 5 anni) Con varie tecniche i bambini realizzeranno una vera spilla, rappresentando un ricordo della giornata, un modo per potersi esprimere con passione per il Parco e/o per ciò che piace di più.
.
Facciamo i biscotti: (dai 3 anni) Pasta frolla e formine divertenti per leccarsi le dita con cose buone.
. Le favole animate:
(dai 3 anni) Ognuno può essere il personaggio che desidera e interpretare a modo suo le mille avventure del mondo fantastico delle favole.
.
Laboratorio ambientale:
(dai 3 anni) Cammino e cerco nel bosco o in giardino scoprendo il mondo.
. Spettacolo e laboratorio di teatro di ombre e di silhouette
: (dai 3 anni) Ogni cosa ha la sua ombra, non può averne un’altra. Prova a mettere l’ombra di un fiore ad una verdura, o mettere l’ombra di una donna ad un uomo o viceversa e romperai l’armonia. Il teatro di figura diventa pretesto per indagare diverse tematiche. Dopo la visione di uno spettacolo, armati di carta e forbici, si produrranno silhouette da utilizzare per giocare tutti insieme attraverso l’improvvisazione teatrale.
. La caccia al tesoro:
(dai 5 anni) Ogni angolo della natura nasconde in realtà un regalo
. Raccontami una storia:
(dai 5 anni) Narrazione e laboratorio di riciclo creativo ispirato ad un libro, con vecchie carte, pezzi di stoffa, fili d’erba, colle, pastelli e matite colorate, trasformeremo i nostri sogni in realtà
. La danza della taranta:
(dai 5 anni) Nel meridione d’ Italia c’è una leggenda che riguarda un ragno molto particolare, capace di un morso velenoso ….
Ma il suo veleno è in realtà fatto di musica e noi impareremo a danzare sulle sue note…Per le bambine portare un fazzoletto colorato.
. Laboratorio del riciclo:
con semplici tecniche realizzeremo oggetti e ambientazioni creati a vecchi materiali e scarti per dare loro nuova vita. 
. Costruiamo un piccolo strumento musicale:
utilizzando materiali di recupero che rimarrà ai bambini come regalino.

smART scuola-lavoro

Pensato per le scuole superiori

Una prima collaborazione con le scuole Galvani di Bologna ha portato alla redazione di una lezione su supporto digitale per liceali, il grande coinvolgimento dei giovani ha dato modo di comprendere come poco sappiano dell’argomento.

smART Scuola-Famiglia

Incontri nelle scuole elementari– coprogettato con quartiere S. Stefano e q. Navile

Il progetto prevede due momenti: il primo vede protagonisti le scuole e i bambini, in un secondo momento è previsto il coinvolgimento degli adulti e delle famiglie.

Prima fase: lezioni-incontri da fare nelle diverse classi per spiegare in modo interattivo tutti i contenuti della smart city. Si possono distinguere due tipologie, una dedicata ai bambini delle classi prime e seconde finalizzata soprattutto allo spiegare, tramite laboratori e giochi, il significato di smART “intelligenza con arte o l’arte con intelligenza” in ambito di sostenibilità ambientale; la seconda dedicata ai bambini delle classi 3°, 4° e 5°, con incontri interattivi ma aperti a discussioni per creare una giovane smart community.

La seconda fase: prevede un incontro finale che coinvolge attivamente anche le famiglie dei bambini ed aperto a tutta la cittadinanza all’interno di Energia nei Colli per creare una smart community attiva. Questa seconda fase prevede la riqualificazione e rivitalizzazione del territorio attraverso la promozione del senso civico e del rispetto delle regole di convivenza civile, ed il coinvolgimento attivo della cittadinanza nelle azioni di cura, con la finalità di migliorare la vivibilità e la fruibilità degli spazi condivisi e nello specifico quello di Parco Cavaioni.

L’attività, all’interno di questo grande ambito verde, con particolare attenzione alla tutela ed al rispetto dei luoghi e all’educazione, promozione e informazione ambientale, si pone l’obbiettivo di rivitalizzazione l’area tramite il coinvolgimento attivo della cittadinanza e iniziative innovative che spieghino come vivere smart.

guarda il video